SUAP modulistica

Manifestazioni, spettacoli, sagre: modelli e informazioni

In base all’Ordinanza del Ministro della Salute dell’11 giugno 2021, alla luce dei dati scientifici sull’epidemia e dell’andamento della campagna di vaccinazione, da lunedì 14 giugno la Lombardia è in “zona bianca”. In base inoltre all’Ordinanza regionale n. 779 dell'11 giugno vengono anticipate al 14 giugno 2021 le date di riapertura, rispetto a quelle previste dal decreto-legge n. 52/2021 e dal decreto-legge n. 65/2021, anche per fiere, sagre ed eventi.

Discoteche e sale da ballo riaprono solo per la parte bar e ristorante, ma senza la possibilità di ballare, attività che continua ad essere vietata.

Le manifestazioni temporanee, per quanto di brevissima durata, sono eventi anche molto “complessi” e la complessità dipende da come l’organizzatore e i partecipanti intendono sviluppare l’evento.

E’ importante sapere che temporaneità non significa costi minori per chi organizza o partecipa, perché anche per un giorno solo non si possono trascurare le regole di sicurezza e di incolumità pubblica, di igiene e sanità, di sicurezza sui luoghi di lavoro, di rispetto per la quiete pubblica.

La somministrazione temporanea di alimenti e bevande è possibile solo in presenza di sagra, fiera, manifestazione tradizionale culturale, religiosa e all'aperto o all'interno di area pubblica/privata per un periodo non superiore a quello di svolgimento della manifestazione come previsto dall'art. 41 del D.L. n. 5/2012 e solo in tali casi è derogato il possesso di requisiti professionali.

La DGR 5519 del 2 agosto 2016 indica ai Comuni gli adempimenti previsti dagli artt. 18bis e 18ter della LR 6/2010 per la programmazione annuale delle fiere e delle sagre mediante l'applicativo regionale “S&FeM” (all’interno della piattaforma Procedimenti www.procedimenti.servizirl.it)

Di seguito le indicazioni per la presentazione di Scia  (*) per manifestazioni temporanee, con o senza la convocazione della Commissione Comunale Vigilanza Pubblico spettacolo, nel rispetto dei principi di safety & security, nonchè la normativa di riferimento.

La pratica deve essere presentata mediante il portale nazionale www.impresainungiorno.gov.it selezionando la procedura "spettacoli e trattenimenti pubblici nell'ambito di sagre, fiere o altre manifestazioni/manifestazioni fieristiche/SCIA per manifestazioni temporanee di pubblico spettacolo o trattenimento".

In linea generale gli organizzatori di manifestazioni, eventi ed iniziative , dovranno assicurare il rispetto delle seguenti imprescindibili condizioni di sicurezza:

  • verificare la capienza delle aree di svolgimento dell'evento, per la valutazione del massimo affollamento sostenibile. In particolare, per quanto concerne le iniziative programmate in aree pubbliche di libero accesso, al fine di evitare sovraffollamenti che possano compromettere le condizioni di sicurezza, gli organizzatori dovranno regolare e monitorare gli accessi, ove possibile anche mediante sistemi di rilevazione numerica progressiva, ai varchi di ingresso fino all'esaurimento della capacità ricettiva dell'area interessata, che sarà interdetta già nella zona di rispetto anche con l'ausilio delle Forze di Polizia;
  • predisporre percorsi separati di accesso all'area di deflusso del pubblico con indicazione dei varchi;
    formulare piani di emergenza e di evacuazione, anche con l'approntamento dei mezzi antincendio, con esatta indicazione delle vie di fuga e correlata capacità di allontanamento in forma ordinata;
  • suddividere in settori dell'area di affollamento, in relazione all'estensione della stessa, con previsione di corridoi centrali e perimetrali all'interno, per le eventuali emergenze ed interventi di soccorso;
  • predisporre piano di impiego di un adeguato numero di operatori, appositamente formati, con compiti di accoglienza, instradamento, regolamentazione dei flussi anche in caso di evacuazione, osservazione ed assistenza del pubblico;
  • individuare spazi di soccorso, raggiungibili dai mezzi di assistenza, riservati alla loro sosta e manovra;
  • individuare spazi di servizi di supporto accessori, funzionali allo svolgimento dell'evento o alla presenza del pubblico;
  • prevedere, a cura della componente dell'emergenza ed urgenza sanitaria, un'adeguata assistenza sanitaria, con individuazione di aree e punti di primo intervento, fissi o mobili, nonché indicazione dei nosocomi di riferimento e loro potenzialità di accoglienza e specialistica;
  • assicurare la presenza di impianto di diffusione sonora e/o visiva, per preventivi e ripetuti avvisi e indicazioni al pubblico da parte dell'organizzatore o delle autorità, concernenti le vie di deflusso e i comportamenti da tenere in caso di eventuali criticità;
  • i protocolli Covid.

 Gli allegati obbligatori sono:

  • relazione di safety e security comprendente anche il rischio Covid e quindi le precauzioni adottate nel rispetto delle linee guida in dats 28 maggio e qui allegate
  • la contestuale richiesta di autorizzazioni preordinate eventuali (occupazione suolo pubblico , deroga rumore...)
  • planimetria
  • scheda areu, compilabile sul sito https://games.areu.lombardia.it/
  • programma
  • nulla osta del Sindaco ai sensi degli artt. 13 e 32 della legge n. 833 del 1978, sino al 31 luglio 2021, termine dello Stato di Emergenza.

 

 (*) Art. 38-bis della legge di semplificazione 120/2020- “Semplificazioni per la realizzazione di spettacoli dal vivo”: per la realizzazione di spettacoli dal vivo inerenti teatro, musica, danza e musical, svolti dalle 8 alle 23 con massimo 1.000 partecipanti, si prevede (in via sperimentale fino al 31/12/2021) la presentazione, da parte dell'interessato al SUAP, della SCIA indicante il numero massimo di partecipanti, il luogo e l'orario dello spettacolo, con relazione tecnica di un professionista attestante la rispondenza del luogo alle regole tecniche ministeriali. Si segnala che gli spettacoli dal vivo, oltre alla musica, alla danza e al teatro, includono anche i circhi e gli spettacoli viaggianti. La disposizione in esame riproduce in gran parte la disciplina generale della SCIA, ma individua alcune caratteristiche specifiche della SCIA riferita alla realizzazione degli spettacoli dal vivo, senza rinviare, per quanto non espressamente previsto, alla disciplina di cui alla L. 241/1990. Come previsto dall'art. 19 della legge 41/1990, l'attività oggetto della SCIA può iniziare dalla data della presentazione della segnalazione all'amministrazione competente. NB - l'amministrazione competente, in caso di accertata carenza dei requisiti e dei presupposti previsti per la presentazione della SCIA, nel termine di sessanta giorni dal ricevimento della segnalazione, adotta motivati provvedimenti di divieto di prosecuzione dell'attività e di rimozione degli eventuali effetti dannosi di essa.

 

Allegati:
Scarica questo file (dichiarazione hobbisti.pdf)dichiarazione per hobbisti[schema di dichiarazione da consegnare all'organizzatore]
Scarica questo file (20180718-Circolare-Mininterno.pdf)Nuove linee guida per manifestazioni, pubblici spettacoli[Circolare del Ministero dell'Interno 18 luglio 2018]
Scarica questo file (circolare_volontariato_6agosto2018.pdf)Utilizzo volontari P.C. nelle manifestazioni [Dipartimento Protezione Civile]
Scarica questo file (carriallegoricidichiarazioni.doc)carriallegoricidichiarazioni.doc[modulistica per eventi con carri allegorici]
Scarica questo file (schema relazione safety e security tecnico e organizzatore.doc)schema di relazione safety e security[schema di relazione tecnica]
Scarica questo file (ALLEGATO+1++-+Ordinanza+579+del+10+luglio+2020.pdf)Ordinanza Regionale n.579 del 10 luglio 2020[ordinanza attività sportive]
Scarica questo file (16 - Dichiarazione Opere Ingegno.doc)mostra e vendita opere del proprio ingegno e creatività[dichiarazione]
Scarica questo file (Ministero dell'interno circolare prot.11992-2020.PDF)Circolare Ministero dell'Interno 2020[Indicazioni per manifestazioni]
Scarica questo file (sciasemplificazioni.pdf)Semplificazione delle procedure autorizzatorie [Commento all'art.38 del dl semplificazioni]
Scarica questo file (4_5884207295482562595.pdf)linee guida Conferenza Regioni[Linee guida per la ripresa delle attività economiche e sociali 28 maggio 2021]
Scarica questo file (linee-guida-aprile-2021-finale-ver-7-maggio-2021.pdf)LINEE GUIDA PER L'ATTIVITÀ SPORTIVA DI BASE ' E L'ATTIVITA MOTORIA [linee guida ministero 7 maggio 2021]

siti tematici

Con i vari progetti della Comunità Montana Valli del Verbano sono stati realizzati dei siti web specifici per l'argomento trattato.
Image

Progetto Roadkill
La sicurezza sulla strada è un diritto di tutti

corridoi.jpg

Biodiversità
I corridoi ecologici della Comunità Montana Valli del Verbano

monti_sorgenti_acque.JPG

Monti sorgenti dall’acque
Percorsi nel territorio della Comunità Montana Valli del Verbano

dove_lo_butto.JPG

Dove lo butto
Fare la raccolta differenziata non è mai stato così facile!

sportello_micologico.JPG

Sportello Micologico
In collaborazione con i tecnici dell'ASL di Varese

welfare.JPG

Networking & Welfare
Progetto per la conciliazione di tempi lavoro e famiglia

Comunità Montana Valli del Verbano

Ente Locale con autonomia statutaria nell'ambito dei principi fissati dalla Costituzione,
dalle leggi nazionali e regionali.

Comunità Montana Valli del Verbano

  Sede operativa: Via Asmara 56, 21016 Luino (VA)

  Sede legale: via Collodi 4, 21016 Luino (VA)

  +39 0332 505001 - fax 0332 505050

   protocollo@vallidelverbano.va.it

C.F. 93017450128  P.I.03114910122
Per versamenti non istituzionali
IBAN: IT74Z0569650400000021000X51

© 2017 Comunità Montana Valli del Verbano. All Rights Reserved. Designed by TEICO

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie vai alla sezione.